Il clarinetto è uno strumento musicale a fiato ad ancia semplice battente, appartenente alla famiglia dei legni. L'ancia è una linguetta sottile che si apre su un tubo.
Ancia
Il clarinetto ha un suono alto, acuto e versatile. Il timbro del clarinetto è suadente e grintoso.

Il clarinetto è uno strumento traspositore, vale a dire uno strumento che quando sul pentagramma legge un Do, produce un suono reale che non corrisponde al Do, ma ad un'altra nota (che è la nota in cui è "tagliato" lo strumento). Nella fattispecie, il clarinetto comune legge un do come si bemolle, ma dei clarinetti Soprano fanno parte anche il Soprano in Do e in La.
Esistono quindi diversi tipi di clarinetto, differenti per intonazione (ed ovviamente di grandezze diverse), che leggono tutti nella stessa chiave e con le stesse diteggiature, producendo però note reali diverse, "trasposte" appunto verso il grave o l'acuto.

Questi strumenti formano una vera e propria famiglia composta dai seguenti tipi di clarinetto:

1 - Clarinetto Piccolo in Lab (noto come "sestino")
2 - Clarinetto Piccolo in Mib (o anche "quartino")
3 - Clarinetto in Re
4 - Clarinetto Soprano in Do
5 - Clarinetto Soprano in Sib (il più diffuso)
6 - Clarinetto Soprano in La
7 - Clarinetto Turco in Sol
8 - Corno Bassetto in Fa
9 - Clarinetto Contralto in Mib
10 - Clarinetto Basso in Sib (o Clarone)
11 - Clarinetto Contrabbasso Mib
12 - Clarinetto Contrabbasso in Sib


Genericamente, quando si parla di clarinetto, si sottintende il registro facendo implicito riferimento al clarinetto soprano in Si♭, il più utilizzato.

Il clarinetto è uno strumento di estrema versatilità, le cui potenzialità vengono sfruttate sia in orchestra, sia in banda, in diverse formazioni di musica da camera e nelle formazioni di soli clarinetti (i cosiddetti "cori di clarinetti").

Partendo dall'alto, lo strumento inizia con il bocchino, corredato di ancia e legatura. Il bocchino è l'imboccatura adatta a produrre le vibrazioni sonore. I materiali più usati oggi per bocchini di buona qualità sono l'ebanite, il cristallo ed il legno.
Segue il barilotto, che fa risuonare le vibrazioni.

Struttura

La parte centrale è costituita dal corpo superiore e dal corpo inferiore, sebbene oggi alcuni clarinetti li presentino uniti. Su questi due corpi sono presenti ventiquattro fori di dimensioni differenti: sette fori, di cui sei circondati da anelli, vengono chiusi dalle dita, mentre gli altri vengono chiusi dai cuscinetti, azionati dagli anelli oppure dalle diciassette o diciotto chiavi (a seconda del modello).

Lo strumento termina con la campana, che dà ulteriore risonanza ai suoni.Il legno tradizionalmente utilizzato per costruire il clarinetto è l'ebano, che conferisce il caratteristico colore nero.
L'ebanite, nota anche come hard rubber (cioè gomma dura) poiché ottenuta dal processo di vulcanizzazione della gomma, è impiegata nella costruzione di clarinetti anche di livello professionale. Ha un costo molto competitivo rispetto ai legni pregiati.

PRIMO ACQUISTO ?
 Clicca qui per qualche consiglio...


 

Nel video abbiamo da sinistra il clarinetto contralto in Mib, soprano in Sib, soprano in Mib, basso in Sib, contrabbasso in Sib


Il caricamento potrebbe richiedere piu' di 1 minuto
Doppio click per ingrandire

I Componenti si presentano